Seleziona una pagina
Spedire in Giappone: indicazioni e costi

Spedire in Giappone: indicazioni e costi

Se hai cercato online “spedire in Giappone: indicazioni e costi” allora questo articolo farà al caso tuo!

Il Giappone è un Paese ricco di fascino, con una cultura tutta da scoprire; a livello economico inoltre, il Paese del Sol Levante è uno dei più produttivi di tutto l’Estremo Oriente, motivi per i quali molte persone decidono di trasferirvisi temporaneamente o in modo permanente.

Grazie alla tecnologia, oggi chi ha un amico, un fidanzato o un familiare che vive in Giappone riesce a comunicare facilmente nonostante le migliaia di chilometri che separano il Paese dall’Italia. Gli scambi, tuttavia, risultano un po’ più complessi quando si tratta di inviare o spedire merce in Giappone.

In questa breve guida vi forniremo alcune utili indicazioni per spedire in Giappone senza difficoltà e senza rischiare che il proprio pacco vada perso durante il lungo tragitto.

Come scrivere l’indirizzo del destinatario

Anche chi non è mai stato in Oriente sa bene che la scrittura giapponese è molto diversa dalla nostra. Oltre all’utilizzo degli ideogrammi, tuttavia, anche le modalità tramite cui scrivere un indirizzo sono parecchio differenti: per esempio, in Giappone si usa dare un nome solamente alle vie principali di un centro abitato e i numeri civici non sono distribuiti progressivamente.

In ogni caso, non c’è da preoccuparsi: anche se non si ha dimestichezza con l’idioma nipponico, per spedire in Giappone si può anche utilizzare il nostro alfabeto; l’importante è scrivere l’indirizzo del destinatario del pacco secondo la struttura giapponese, prestando attenzione in particolare alle definizioni territoriali.

È dunque molto importante indicare il codice di avviamento postale (contrassegnato dal simbolo 〒), la città di riferimento (市), il quartiere e l’eventuale nome della via. Curiosamente, in Giappone anche gli edifici possono avere un nome: se è così, apporlo sull’intestazione del pacco agevolerà la consegna.

Bisogna ricordare inoltre, di indicare sempre il numero di telefono e l’indirizzo email del destinatario.

Fattura Proforma e Dichiarazione di libera esportazione

Nel caso di spedizioni export verso paesi extra UE, i pacchi sono soggetti ai dazi doganali. É necessario in questi casi allegare ai colli una documentazione supplementare in cui verrà indicata una descrizione del contenuto del collo e una stima del suo valore.

I dazi doganali verranno calcolati proprio su questi parametri e verranno applicati a carico del destinatario. Quindi, durante la compilazione dell’indirizzo verrà chiesto anche di compilare una fattura proforma che consiste nella descrizione dettagliata del tipo di merce all’interno del pacco con accanto un valore in euro per ogni pezzo e una dichiarazione di libera esportazione.

Spedire in Giappone: indicazioni e costi puoi conoscerli cliccando su questa pagina e calcolando il
tuo preventivo di spedizione.

In alternativa è possibile contattare Spediboss.com al seguente numero: 039380568 o all’indirizzo info@spediboss.com

 

Se sei interessato alle spedizioni internazionali, potrebbe anche esserti utile sapere cosa devi fare per inviare un pacco da Londra all’Italia.

Spedire pacchi da Dublino all’Italia: cosa bisogna sapere

Spedire pacchi da Dublino all’Italia: cosa bisogna sapere

Qual è la migliore soluzione per spedire pacchi da Dublino all’Italia?

Chi ha avuto la fortuna di averla visitata non la dimentica; chi non l’ha ancora fatto, dovrà necessariamente includerla nella lista dei luoghi da vedere nella vita.

L’Irlanda è una terra ricca di fascino e di magia, dove ancora il legame con la tradizione è molto forte e sentito, ma modernità e innovazione interessano tutti i campi, dall’agricoltura all’industria, fino al settore dei servizi.

E proprio questo perfetto equilibrio tra antico e contemporaneo ha indotto molte persone a studiare, lavorare e vivere in Irlanda, facendo dell’isola di Smeraldo la propria dimora.

La corrispondenza tra Italia e Irlanda è quindi molto fitta e si spedisce quotidianamente merce da un Paese all’altro. Chi ha fidanzati, figli o amici che lavorano in Irlanda sa bene che il fulcro della vita economica dell’Eire si concentra in particolare nella sua capitale: Dublino.

Una città a misura d’uomo che tuttavia si distingue per essere una metropoli cosmopolita e di respiro internazionale, che ogni anno attira migliaia di turisti, giovani e uomini e donne d’affari provenienti da tutto il mondo.

In questa breve guida vedremo quindi come spedire pacchi da Dublino all’Italia, trovando la soluzione più idonea alle proprie esigenze. Le opzioni possibili, in realtà, sono sostanzialmente due: rivolgersi al servizio postale pubblico oppure indirizzarsi a una società privata.

Nel primo caso, occorre visitare il sito web delle Poste Irlandesi, dove alla voce Calculate postage è possibile calcolare in automatico il costo della spedizione del pacco in base a parametri quali peso, dimensioni e destinazione.

L’altra soluzione per spedire pacchi da Dublino all’Italia consiste nel fare affidamento a una società privata, che abbia esperienza nelle spedizioni internazionali e che si appoggi ai principali corrieri del settore.

Con SpediBoss.com, numero uno in Italia per le spedizioni online, far recapitare un pacco in Italia da Dublino è un’operazione semplice, veloce ed economica: SpediBoss.com, infatti, assicura tariffe dell’80% inferiori rispetto ai principali competitors del settore, offrendo nel contempo un servizio preciso, puntuale e idoneo alle esigenze del cliente, che può scegliere direttamente sul sito la tariffa più in linea con le proprie disponibilità.

 

Hai trovato utile l’articolo? Leggi anche come spedire un pacco da Londra in Italia. Se hai dubbi o vuoi ricevere maggiori informazioni clicca il pulsante qui sotto e contatta SpediBoss.com.

Scopri i contatti di SpediBoss.com

Inviare un pacco da Londra in Italia: cosa bisogna fare

Inviare un pacco da Londra in Italia: cosa bisogna fare

Cosa è utile sapere se si vive nel capoluogo inglese e si decide di inviare un pacco da Londra in Italia?

Chi vive all’estero e ha la fortuna di avere amici e familiari che risiedono in Italia, sa bene quanto sia in uso l’abitudine di ricevere il tanto desiderato pacco contenente i più gustosi prodotti della madrepatria: conserve, pasta, prelibatezze tipiche introvabili oltreconfine e capaci di mettere il buonumore anche durante le giornate più fredde e uggiose.

A volte, tuttavia, il processo si inverte ed è proprio chi vive all’estero, soprattutto per motivi di studio o di lavoro, che deve spedire un pacco in Italia.

In quest’articolo, quindi, scopriremo qual è la scelta migliore da fare quando bisogna inviare un pacco da Londra in Italia, senza stress ma solo mettendo in pratica gli accorgimenti giusti per permettere alla spedizione di arrivare a buon fine.

Spedire un pacco da Londra all’Italia: la scelta del servizio di spedizioni

I motivi per i quali si ha la necessità di spedire pacchi dalla capitale londinese all’Italia possono essere i più svariati: si è trovato ai grandi magazzini il regalo perfetto per un’amica, si vuole condividere con la propria famiglia qualche leccornia prettamente british oppure si è in procinto di lasciare la capitale inglese ma non si ha abbastanza spazio in valigia per portare tutto ciò che serve.

In quest’ultimo caso, infatti, la spedizione ha sicuramente un costo meno oneroso rispetto all’acquistare un bagaglio extra (anche per quanto riguarda le spese relative al trasporto aereo) e dunque risulta essere una soluzione molto conveniente.

A questo punto, ciò che occorre fare è rivolgersi a un servizio di spedizioni affidabile, puntuale e garantito. In un’epoca in cui le spedizioni internazionali sono migliaia ogni giorno, per un settore di mercato sempre più “affollato” per quanto riguarda l’offerta, trovare il partner giusto al quale affidare la propria spedizione può risultare più difficile del previsto.

Una buona idea per Inviare un pacco da Londra in Italia, quindi, è quella di scegliere un servizio di spedizioni che gestisce l’invio di pacchi in tutto il mondo, come SpediBoss.com, il numero uno in Italia per le spedizioni online, perché si affida solo ai più importanti corrieri internazionali, per garantire consegne puntuali da e verso l’estero. Londra inclusa.

 

Hai trovato interessante quest’articolo? Potrebbe interessarti anche come effettuare una spedizione per il Giappone.

Scopri i contatti di SpediBoss.com

Come spedire ricambi e parti auto

Come spedire ricambi e parti auto

L’universo delle spedizioni è estremamente variegato e complesso: al giorno d’oggi, infatti, si spedisce dal televisore alla tavola da surf, dal mobile per la casa ai ricambi delle vetture.

E proprio come spedire ricambi e parti dell’auto sarà l’argomento al centro di questo articolo.

Ricambi e parti d’auto: consigli sulla spedizione

Infatti, molte persone ricorrono al web per acquistare i ricambi tramite i principali marketplace (Ebay e Subito.it in primis) oppure attraverso siti specializzati.

Comprare con un click comodamente da casa, del resto, è di sicuro molto più comodo che rivolgersi a una carrozzeria; tuttavia, le componenti di un’auto sono oggetti molto particolari, per i quali occorre prestare la dovuta attenzione non solo per quanto riguarda la compatibilità dei prodotti disponibili online con la propria auto, ma anche rispetto alla qualità dei pezzi stessi, per evitare di subire spiacevoli disagi.

Una volta individuato il fornitore di fiducia, poi, bisogna assicurarsi che questi curi la spedizione in ogni minimo dettaglio. Il che è semplice per chi ha una lunga esperienza nelle spedizioni online, ma può risultare maggiormente difficoltoso per i rivenditori che si sono approcciati di recente a questa modalità di spedizione.

In generale, la regola aurea per sapere come spedire ricambi e parti auto consiste nel proteggere adeguatamente le parti più delicate, rinforzandole con materiale come pluriball o pezzi di cartone sagomati sugli angoli o sulle piccole parti meccaniche particolarmente vulnerabili, per poi realizzare un imballo su misura per l’intero contenuto.

Per esempio, nel momento in cui si devono spedire parti come portiere, parafanghi, è consigliabile utilizzare imballi indeformabili che tengono ben protetto il contenuto.

Nel caso in cui oggetto della spedizione siano degli pneumatici, è possibile spedirli singolarmente sotto forma di spedizione multipla senza bancale, utilizzando un imballo di pellicola per avvolgere ogni singolo pezzo.

Come spedire ricambi e parti auto in modo semplice? Con SpediBoss.com organizzare il trasporto di parti di vetture è un’operazione facile e veloce, tanto che sono sempre più frequenti i privati e le carrozzerie che si rivolgono al nostro portale per gestire questo tipo di spedizione, seguendo i consigli del nostro staff per preparare l’invio dei diversi colli in relazione al tipo di ricambio o di quale parte dell’auto si desidera spedire ai propri clienti.

Scopri i contatti di SpediBoss.com

Intestazione busta formale: come scriverla

Intestazione busta formale: come scriverla

A volte, quando si deve spedire una busta, si è indecisi sulla tipologia di intestazione da inserire: meglio una intestazione busta formale oppure informale?

Poiché nell’era del digitale scrivere una lettera è diventata un’abitudine più unica che rara, molte persone spesso non sanno quale tipologia scegliere, né come stilarla.

L’intestazione formale ad esempio, dev’essere riservata per occasioni speciali, come l’invio di documenti importanti o di richieste ufficiali.

Come intestare una busta formale

Una lettera formale può contenere anche una partecipazione di nozze o un curriculum vitae; insomma, si tratta di una missiva per la quale occorre utilizzare un certo tono e, di conseguenza, bisogna prestare la dovuta attenzione anche ai minimi dettagli, come appunto la corretta intestazione della busta.

Ecco allora un breve vademecum per compilare adeguatamente un’intestazione busta formale e fare bella figura con il destinatario della missiva.

Scrittura chiara, informazioni giuste, carta di alta qualità: il segreto di una lettera di successo

Premessa fondamentale per scrivere l’intestazione di una busta formale consiste nel controllare i dati del destinatario, in modo da non commettere errori e dover cambiare busta o – peggio – essere costretti a tirare un’antiestetica riga sulla parola sbagliata.

Un altro step importante riguarda la scelta della busta: quest’ultima dev’essere di qualità (requisito indispensabile) e su di essa va scritto – preferibilmente a mano, a meno che si abbia una calligrafia poco chiara – il nome per esteso del destinatario.

A questo proposito, occorre fare attenzione ad alcuni dettagli che spesso sfuggono a chi invia raramente comunicazioni di questo tipo:

  1. Rivolgersi alle coppie in base al loro stato civile: per le coppie sposate, l’intestazione includerà i titoli “Sig. e Sig.ra” più il nome completo dell’uomo, mentre per le coppie non sposate si utilizzerà la dicitura “Sig.na” più nome e cognome della donna e “Sig.” seguito dal nome per esteso dell’uomo.
  2. Scrivere il titolo professionale del destinatario (per esempio: Avvocato Mario Rossi) oppure utilizzare il titolo di studio (Dottoressa Marta Verdi). In questo caso, però, non si devono aggiungere anche i titoli “Sig.”, “Sig.ra” e “Sig.na”.
  3. Se il destinatario porta lo stesso nome del proprio padre, sull’intestazione della busta formale si aggiungerà la dicitura “Figlio” accanto a nome e cognome della persona che riceverà la lettera.
  4. Nel caso la busta formale contenga un invito destinato a tutta la famiglia, si scriverà sull’intestazione solo il nome del padre, con annessa la parola “Famiglia” (per esempio: Sig. Luca Rinaldi e Famiglia).

A questo punto non resta che aggiungere l’indirizzo del destinatario (Via/Piazza, numero civico, codice di avviamento postale, città e provincia) e l’intestazione della busta formale sarà completa.

 

Hai trovato interessante quest’articolo? Forse potrebbe interessarti anche come compilare una busta da spedire.

Scopri i contatti di SpediBoss.com

Pin It on Pinterest